SMIDERLE FA SUO IL RALLY DI IDRJIA E CONQUISTA LA SUA PRIMA “VITTORIA STRANIERA”

smiderle--idrijaSi era presentato al via della gara slovena solo con l’intento di fare allenamento in vista della finale di Coppa Italia che è ormai alle porte, ma una volta oltrepassato il confine Andrea Smiderle non si è di certo risparmiato in questa edizione del Rally di Idrija. Con alle note l’esperto Gianni Marchi, una Peugeot 207 S2000 in piena forma e un Claudio De Cecco presente sul campo a dargli dei preziosissimi consigli, Smiderle ha così potuto partire con le migliori carte da giocarsi su questo percorso per lui totalmente nuovo. Seppur l’avvio di gara non sia stato dei migliori a causa di un testacoda che gli faceva perdere diversi secondi nelle prime frazioni cronometrate, il forte pilota vicentino si è ripreso alla grande imprimendo un ritmo elevato anche per quei piloti locali che, sulle viscidissime strade slovene per lo più bagnate dalla pioggia, potevano puntare alla vittoria assoluta. Smiderle quindi dominava una gara nella quale come al solito con la sua guida spettacolare offriva anche uno spettacolo unico per gli spettatori assiepati sul percorso. La vittoria al Rally di Idrjia a bordo della velocissima e affidabile 207 S2000 gommata Pirelli del team friulano giungeva quasi inaspettata per i due drivers veneti che ora si sentono pronti più che mai a vendere cara la pelle per la finale di Coppa Italia Rally 2012.

chiappo_nPoca fortuna invece per Fausto Chiappo alla cronoscalata Cividale-Castelmonte disputatasi nello stesso week end del Rally di Idrija. Il pilota di Manzano a bordo della Ford Focus WRC ’08 di Friulmotor in versione potenziata per questo tipo di gara, dopo aver sfornato un terzo posto assoluto nelle prove del sabato incappava in una piccola divagazione nella prima manche di gara che lo estrometteva dalla graduatoria finale ma che gli dava diritto di percorrere comunque la seconda manche, nella quale fermava il cronometro in un ottimo 3:32.96 che lo portava al quarto tempo assoluto di manche che la dice lunga sull’occasione sprecata sulla prima. Da sottolineare anche l’ottima performance di Matteo De Sabbata che pilotava per la prima volta la Citroen DS3 R3T di Friulmotor iscritta in Classe A2000. Il giovane pilota di Corno di Rosazzo si è distinto per la sua gara molto veloce ed accorta con uno stile di guida pulito ed efficace che lo ha portato fino alla ventottesima posizione assoluta e quinto di classe, niente male per un debutto contro gli specialisti delle salite. Debutto positivo anche per Cristian Cernettig che saliva per la prima volta sulla Renault Clio S1600 di De Luna assistita da Friulmotor. Per lui una quarantaduesima piazza assoluta dettata anche dalla fisiologica prudenza del debutto su di una macchina così performante e con la consolazione del terzo posto di classe. Anche Gabriele Pezzarini ha visto il traguardo di questa edizione della Cividale- Castelmonte a bordo della piccola Peugeot 106 di classe N1600 gestita da Friulmotor, per lui un decimo posto di classe.