RALLY DEL FRIULI AMARO PER I PILOTI DI FRIULMOTOR NEL RALLY MODERNO, OTTIMO PASUTTI TRA LE STORICHE

1240115_504274222983123_91868174_nUn Rally del Friuli più che avvincente e con un elenco partenti vario e foltissimo quello dell’edizione 2013 che prevedeva tre distinte gare nello stesso evento. In primis il rally del Friuli valido per i Campionati Italiano e Sloveno assoluti, poi il Rally storico valido per l’Europeo e per finire il Rally valido per il Challenge Italia disputato su una sola tappa. Un appuntamento imperdibile per tutti i migliori piloti nazionali ed esteri che prontamente con il coltello tra i denti si sono sfidati sulle bellissime strade del cividalese. Friulmotor schierava nel rally del Campionato Italiano tre vetture,due Peugeot 207 S2000 per Toffoli e Guerra e la Peugeot 208 R2 per lo sloveno Rok Turk. Tra le storiche Paolo Pasutti che cercava con la sua Porsche 911 di mantenere la leadership della Mitropa Rally Cup. Purtroppo dopo un avvio molto promettente Venicio Toffoli navigato da Giulio Coletti, usciva di strada ritirandosi già sulla seconda speciale, mentre sia Guerra che Turk partivano cauti con uno sguardo a quello che succedeva nella classifica generale.
Ed infatti col passare delle prove speciali, si riscontrava un numero cospicuo di ritiri sia per incidente che per guasto meccanico e così Massimo Guerra e il suo navigatore Daniele Revelant grazie anche ad un aumento netto delle proprie prestazioni cronometriche risalivano la classifica assoluta di diverse posizioni, così come Rok Turk ed Enej Loznar che portavano la loro Peugeot 208 R2 addirittura al primo posto assoluto del Campionato Sloveno.
Purtroppo nella seconda tappa la particolarità del tracciato, molto veloce e tecnico, continuava a mietere altre vittime e malauguratamente anche i due restanti portacolori di Friulmotor nel Rally moderno. Massimo Guerra a causa di una doppia foratura toccava un marciapiede e piegava un braccetto dovendo ritirarsi quando i piani alti della classifica si facevano sempre più vicini. Anche Turk gettava alle ortiche una vittoria già in tasca uscendo irrimediabilmente di strada.

Le buone notizie arrivano dalla gara del Campionato Europeo dove Paolo Pasutti e Jean Campeis non hanno risparmiato la loro splendida Porsche 911 che, tecnicamente assistita dal Tavano Racing, ha marciato con un ritmo veramente elevato per tutte e due le tappe, facendogli cogliere un ottimo nono posto assoluto e secondo assoluto di Mitropa Rally Cup conquistando quindi pesantissimi punti per la graduatoria assoluta di campionato nel quale sono saldamente i leader assoluti.