DE CECCO SECONDO ALLA FINALE DI CHALLENGE RONDE, DIONISIO SPETTACOLARE A MONZA

Pomarance-2013 Alla Ronde di Pomarance in Toscana si è disputata una combattutissima finale nazionale di Challenge Ronde, ricca di imprevisti e colpi di scena; favorito d’obbligo partiva Claudio De Cecco con la Ford Focus WRC ’08 di Friulmotor con l’obiettivo di agguantare uno dei gradini del podio. La gara si articolava su due prove da disputarsi la sera del sabato e due la mattina di domenica, su di un percorso molto tecnico reso molto viscido dalle piogge dei giorni precedenti.
Nei primi tratti cronometrati De Cecco faceva vedere che pur con un avvio prudente lui c’era e poteva dire la sua anche per la vittoria assoluta. Al termine della prima giornata di gara infatti il driver manzanese si ritrovava terzo assoluto e secondo dei finalisti di Challenge Ronde ad una manciata di secondi dalla vetta. Nella seconda giornata di gara la musica cambiava e nel terzo passaggio De Cecco rimontava di una posizione partendo per la quarta ed ultima prova speciale in testa alla graduatoria dei finalisti. La sfortuna però lo ha colpito proprio allo start della ps4 dove il sistema elettronico di partenza della Focus WRC andava letteralmente in tilt, la macchina si spegneva e costringendo il pilota a tentare più volte il riavvio del motore, causando la perdita di molti pesantissimi secondi che sono risultati determinanti per la classifica finale, dove De Cecco navigato da Alberto Barigelli giungeva secondo assoluto assoluto e di finale challenge con un gap di dodici secondi. Pur con molto rammarico per una possibile vittoria gettata al vento per questo inconveniente tecnico, De Cecco rimane comunque soddisfatto dell’importante risultato che gli da diritto di acquisire la priorità CSAI secondo elenco per il 2014.
Oltre a Pomarance il team Friulmotor era presente anche al Monza Rally Show, importantissimo evento mediatico di fine stagione dove il team manzanese si è presentato con Ford Focus WRC’06 affidata all’ex rallysta, ora bravo pistaiolo, Ermanno Dionisio. Il driver lombardo per la prima volta alla guida della vettura di Friulmotor gommata Pirelli, partiva un po’ in sordina cercando di progredire gradualmente in classifica cercando, senza strafare, il giusto feeling con questo tipo di performante vettura. Sono bastate poche manciate di chilometri perché Dionisio, coadiuvato da Maurizio Barone, riuscisse ad esprimersi a buoni livelli non disdegnando anche una guida molto spettacolare che ha deliziato molto le migliaia di spettatori presenti a questa importantissima gara. Dovendosi scontrare direttamente con top drivers di livello mondiale, la prestazione finale di Ermanno Dionisio rimane molto soddisfacente in una gara in cui l’obiettivo era quello di ben figurare e di dare spettacolo , l’obiettivo quindi , grazie anche all’impeccabile lavoro del team Friulmotor, è stato pienamente raggiunto.