CORTINOVIS QUARTO A BERGAMO, STOP PER TRAVAGLIA E DE CECCO AL SALENTO

La fortuna non sorride al team  Friulmotor sulle strade del Rally del Salento con Renato Travaglia e Lorenzo Granai, in corsa per il titolo di Campioni Italiano Rally in cerca di quella vittoria che quest’anno ancora non è arrivata e Claudio De Cecco navigato da Jean Campeis al via della gara pugliese con l’obiettivo di incamerare punti per la qualificazione alle finali di Coppa Italia Rally. Per i due piloti delle Peugeot 207 S2000 biancorosse il Rally ricopriva un’importanza fondamentale in vista dei rispettivi obiettivi ma già dopo la prima prova speciale Claudio De Cecco, a causa di un malessere momentaneo accentuato dal clima decisamente caldo doveva precauzionalmente  rinunciare a proseguire la gara restando, suo malgrado, a fare lo spettatore e a rientrare invece nei panni del Team Manager e seguire le prestazioni di Renato Travaglia. Il pilota trentino conduceva una gara una gara molto combattiva sempre nelle posizioni di vertice con prestazioni molto valide restando al passo con i piloti ufficiali vincendo anche due prove speciali e agguantando il terzo gradino del podio. Purtroppo nella penultima prova speciale Travaglia colpiva un sasso in piena traiettoria e la conseguente una foratura gli faceva perdere  più di due minuti ed ogni possibilità di entrare nella zona punti. Travaglia e Granai partivano per l’ultima prova speciale ma si ritiravano per un problema tecnico legato probabilmente all’urto con la pietra nella prova precedente.

Decisamente positiva la gara di Andrea Cortinovis navigato da Pressiani al Rally Prealpi Orobiche valido per il Challenge di seconda zona e con un foltissimo elenco iscritti contrassegnato da ben dodici Super 2000 a contendersi la vittoria assoluta. Cortinovis intenzionato a ben figurare davanti al pubblico di casa molto numeroso sulle prove speciali in programma. La gara partiva col tempo incerto e l’incognita gomme è stata determinante sulla prima prova speciale del sabato dove Cortinovis decideva di montare sulla sua Peugeot 207 S2000 le gomme da bagnato, scelta che si dimostrava completamente sbagliata che gli faceva perdere ben tredici secondi. Domenica sotto un costante diluvio e con temperature molto basse l’equipaggio di Friulmotor  riusciva a mantenersi sulle posizioni di vertice ma commetteva una breve divagazione che gli faceva perdere ulteriori dieci secondi ma Cortinovis non gettava la spugna e manteneva prestazioni molto alte con due ottimi secondi posti nelle ultime speciali che non gli permettevano per poco di salire sul terzo gradino del podio. Gara comunque positiva per Cortinovis e Pressiani viste le condizioni meteo molto difficili che potevano indurre  facilmente all’errore.