COBBE SI AGGIUDICA LA RONDE DEI LEONI, DE CECCO OTTIMO SULLA TERRA

cobbe-orian_rleoFine settimana esaltante per il team Friulmotor impegnato contemporaneamente su due fronti, sull’asfalto della Ronde dei Leoni col trentino Cobbe e su terra con De Cecco entrambi a bordo della Ford Focus WRC. Alla ronde dei Leoni disputatasi ad Affi in provincia di Verona, dopo il positivo debutto sulla vettura inglese al Rally di Franciacorta, Luciano Cobbe non solo confermava l’ottimo feeling con la Focus WRC ‘08 gommata Pirelli ma, con estrema disinvoltura, metteva subito in riga tutti gli avversari fin dal primo tratto cronometrato. La gara che prevedeva una prova speciale tutta in salita da ripetere per quattro volte, presentava un tracciato dalle condizioni variabili dove i tratti di asfalto asciutto, si alternavano con quelli umidi e in certi punti anche leggermente ghiacciati, mettendo quindi alla prova le abilità di tutti i driver impegnati. Cobbe, coadiuvato dall’impeccabile Orian ha saputo adattarsi immediatamente al velocissimo percorso e gestire molto bene la gara senza commettere errori, aggiudicandosi tutte e quattro le prove speciali, mantenendo sempre saldo il primo posto assoluto che gli ha permesso di alzare le mani da vincitore sul traguardo di fine gara. Un vero e proprio trionfo indiscutibile quello di Cobbe e Orian sull’impeccabile Focus WRC ’08 by Friulmotor che fa da premessa per un vincente prosieguo di stagione.

de_cecco_campeis_valtContinua a passi da gigante “l’avventura su terra” da parte del “Boss” di Friulmotor Claudio De Cecco, che dopo il positivo rientro sugli sterrati della Ronde Val d’Orcia è risalito sulla Ford Focus WRC ’06 anche in occasione della Ronde Val Tiberina, terzo appuntamento del trofeo Race Day Ronde Terra, svoltasi a San Sepolcro. Il driver manzanese in coppia con Jean Campeis ha condotto una gara esaltante, a conferma che sulla terra può dire sicuramente la sua di fronte ai migliori specialisti nazionali delle gare sterrate. Partito come sua consuetudine in sordina, completava il primo tratto cronometrato a poca distanza dai primi, giusto per prendere le adeguate misure e rifarsi immediatamente sulla prova speciale numero due, dove agguantava il secondo posto e andando poi a vincere il terzo tratto cronometrato ma incappando malauguratamente, per un’inezia, in una partenza anticipata che gli comportava una penalizzazione di dieci secondi che risultavano poi decisivi per la conquista del primo posto; addirittura De Cecco a causa di questa penalizzazione retrocedeva al terzo posto che comunque rappresenta, se pur con un po’ di rammarico, un ottimo risultato per lui e Friulmotor sempre ai vertici della scena rallistica nazionale.