CLAUDIO DE CECCO VINCE LA RONDE DELL’ISONTINO E RAGGIUNGE LE SESSANTACINQUE VITTORIE ASSOLUTE

Immagine di: www.fotosistem.itA due settimane dal successo alla Ronde Alto Friuli, Claudio De Cecco infila un’altra brillante vittoria. Alla Ronde dell’Isontino il pilota di Manzano affiancato da Jean Campeis ha dominato tutte e quattro le prove speciali in programma, conducendo la performante Ford Focus WRC del team Friulmotor in maniera impeccabile, senza compiere alcun errore badando esclusivamente a tenere a debita distanza i piloti che si trovavano nelle posizioni di rincalzo. Invidiabile quindi il traguardo delle sessantacinque vittorie assolute quello raggiunto da De Cecco, obiettivo che solo pochissimi piloti in Italia possono vantare. De Cecco all’arrivo della gara di Gorizia ha così festeggiato una carriera costellata di successi e che proprio da Gorizia, vedeva i suoi inizi ben venticinque anni fa. Una volta sul podio la gioia di De Cecco è stata ancor più grande nell’apprendere che il figlio Marco in gara con la Peugeot 106 aveva vinto la classe FN2 ed il gemello Mattia arrivava sul podio della classe FA7 con la Renault Clio Williams. La stagione 2011 per De Cecco è come non mai ricca di soddisfazioni con due primi posti su due partecipazioni e chi pensa che il numero sessantacinque sia riconducibile all’età minima pensionabile si sbaglia, perché il driver manzanese è più che mai motivato a raggiungere importanti traguardi in campo nazionale ed internazionale.

Il team Friulmotor era presente alla ronde svoltasi a Gorizia anche con la nuovissima Citroen DS3 R3T nelle mani del giovane pilota Andrea Salvador navigato da Andrea Budoia. Dopo il primo tratto cronometrato si capiva che il pilota pordenonese poteva raggiungere il podio ma erano necessari ancora alcuni chilometri di prova speciale per prendere le giuste misure con la vettura per lui del tutto nuova. Salvador, pur essendo solamente al suo sesto rally in carriera ha dimostrato un approccio alla gara assai intelligente, riuscendo a migliorare costantemente le sue prestazioni e impostando le giuste regolazioni in poco tempo. Azioni che gli hanno permesso di esprimersi subito con prestazioni di livello assoluto, raggiungendo il terzo gradino del podio, potenzialmente in grado di cogliere addirittura il secondo posto. Un vero peccato l’errore sull’ultima prova speciale che ha comportato l’immediato ritiro a seguito di un’uscita di strada proprio negli ultimi chilometri.

Ottime le notizie che giungono dalla classe FN2 dove Friulmotor schierava due Peugeot 106 16V. Una per l’equipaggio Pezzarini-Spinello e l’altra per Marco De Cecco e Groppo Alan. Se per Pezzarini l’inizio di gara è stato prudente, per sua volontà come dichiarato allo start, per Marco De Cecco è accaduto l’inverso, con la prima prova speciale disputata con il coltello tra i denti e la seconda piazza di classe. Nella seconda prova Pezzarini cominciava a migliorarsi mentre De Cecco nonostante un testacoda e l’abbattimento di un palo della segnaletica riprendeva la sua corsa verso il podio di classe. Nelle successive prove entrambi gli equipaggi continuavano la loro gara sempre più all’attacco con De Cecco che giungeva al traguardo primo di classe e Pezzarini che si prendeva la soddisfazione del terzo tempo siglato sull’ultima prova disputatasi col buio.