BRIAN MADSEN SECONDO AL RALLY BYGMA IN DANIMARCA. DE CECCO QUINTO IN CARNIA

Prova maiuscola per Brian Madsen al Bygma Rally valevole per il Campionato Assoluto Rally Danimarca. Il forte pilota di Copenaghen, coadiuvato dal navigatore Posorski, ha condotto con grinta e determinazione la Peugeot 207 S2000 di Friulmotor sulle insidiose strade danesi , molto viscide e spesso infangate. Dopo un inizio di gara improntato sulla prudenza, Madsen, al debutto assoluto sulla 207 S2000, merito anche di una più azzeccata scelta di gomme, ha iniziato con costanza a risalire la classifica assoluta del rally aumentando il proprio ritmo di gara su livelli decisamente al passo con i piloti di alta classifica. Verso la fine del rally mentre ormai era stabilmente posizionato sul terzo gradino del podio, riusciva ad inserirsi al secondo posto assoluto.  Madsen e Posorski raggianti per l’ottimo risultato ottenuto,  hanno apprezzato la competitività  e l’affidabilità della Peugeot 207 di Friulmotor ringraziando pubblicamente il team per la professionalità e la competenza dimostrata.

Alla quarta edizione della Carnia Alpe Ronde disputatasi a Tolmezzo, Claudio De Cecco risaliva sulla Peugeot 207 S2000 per testare il nuovo motore versione 2011 in vista dell’imminente Rally Proserpina, in Sicilia, valido come seconda finale di Coppa Italia. De Cecco , navigato dal carnico Eneo Giatti, con il solo obiettivo di spremere il nuovo motore e valutarne i progressi evolutivi, ha più badato a confrontarsi con le altre vetture di S2000, piuttosto che con la nutrita schiera di vetture WRC presenti al via, visto il divario prestazionale che esiste tra le due categorie.  I portacolori di Friulmotor, affrontando la pioggia e la fitta nebbia presente a tratti sul tracciato, hanno colto dei riscontri cronometrici molto buoni  piazzandosi in un paio di occasioni molto vicino anche alle WRC. Dopo una gara regolare, senza alcun problema tecnico, De Cecco e Giatti hanno tagliato il traguardo di Tolmezzo in un’ottima quinta posizione assoluta e seconda di S2000, centrando pienamente l’obiettivo che si erano prefissati alla partenza; ossia testare la vettura ed il nuovo propulsore valutandone i benefici in vista dei prossimi appuntamenti agonistici.  Poca fortuna invece per l’equipaggio  composto da Nicola Giatti e Danilo Cella i quali dopo un paio di prove speciali in buona posizione di classe a bordo della Peugeot 106 di N2 preparata da Friulmotor, incappavano in un inaspettato banco di nebbia che toglieva loro la completa visibilità. Inevitabile la toccata sulla roccia a bordo strada che causava il distacco di una ruota costringendoli al ritiro.