ALLA CARNIA ALPE RONDE DE CECCO SECONDO ASSOLUTO

dec-carniaAlla quinta edizione della Carnia Alpe Ronde il team Friulmotor si è presentato con quattro vetture; la Ford Focus WRC per Massimo Guerra e Daniele Revelant, due Peugeot 207 S2000 per Claudio De Cecco navigato da Jean Campeis e Nicola Cescutti in coppia con Paolo Cargnelutti, più la piccola Peugeot 106 FN2 affidata nuovamente a Gabriele Pezzarini coadiuvato da Armando Stefanutti; tutte le vetture erano rigorosamente equipaggiate con pneumatici Pirelli.
Se per il campione Claudio De Cecco, l’avventura carnica non rappresentava altro che un buon allenamento in vista per l’imminente finale di Coppa Italia, dove andrà per la seconda volta consecutiva a difendere il titolo assoluto, per Massimo Guerra rappresentava un debutto assoluto sulla sofisticata Focus WRC, mentre per Cescutti, dopo il lusinghiero podio di Cortina, era un’ottima occasione per farsi notare anche sulle strade di casa. La gara, disputatasi sotto una pioggia intermittente ma a tratti anche intensa, iniziava secondo quelli che erano i pronostici, con De Cecco sulla 207 S2000 subito secondo preceduto solamente da una “World Rally Car”, mentre Guerra partiva con prudenza per prendere confidenza con la vettura su quel tipo di asfalto assai viscido; Cescutti si dimostrava in ottima forma, giungendo subito terzo assoluto. Amarissimo e non previsto invece il ritiro per Pezzarini che dopo poche curve doveva arrendersi per il cedimento del cambio.
Sulla seconda prova cronometrata si profilavano altre note dolenti per i driver di Friulmotor, con Guerra che toccava un rail rimaneva fermo alcuni minuti, poi ripartiva ma dovendosi fermare di nuovo per la sostituzione di un pneumatico foratosi nell’uscita di strada. Anche Cescutti diveniva anche lui vittima dell’insidiosissimo tracciato carnico perdendo diversi secondi per una divagazione fuori dalla sede stradale. Unico a tenere il passo dei primissimi rimaneva De Cecco sempre perfetto e saldamente al secondo posto.
La terza prova speciale ridava speranze di recupero sia a Guerra, ottimo terzo di prova, che a Cescutti, in recupero verso un podio sempre più alla sua portata. Al termine del quarto ed ultimo passaggio cronometrato, Claudio De Cecco e Jean Campeis completavano con una prova maiuscola la loro gara, centrando un secondo posto assoluto senza commettere alcun errore e senza troppo forzare la mano. Massimo Guerra ed il suo fido navigatore Revelant giungevano al traguardo di un soffio fuori dalla “top ten” dopo una gara condizionata dall’errore sulla seconda prova speciale che li ha indotti ad una guida più attenta. Un vero peccato invece l’uscita di strada patita da Cescutti proprio sulle ultime curve di gara quando ormai il terzo posto finale poteva concretizzarsi. Per lui ed il navigatore Cargnelutti nessun problema fisico se non quello di recriminare contro quegli ultimi sfortunati metri che li separavano dal fine prova.