Vicario-Doneddu al 10° posto al Ronde Balcone delle Marche – Esordio Rocchi su DS3 R5

ALL’ 8°RONDE BALCONE DELLE MARCHE VICARIO – DONEDDU 10° ASSOLUTI CON LA PEUGEOT 206 WRC.

BUONA LA PRIMA PER ROCCHI – DARDERI SULLA CITROEN DS3 R5

Friulmotor era presente alla 8° Ronde Balcone delle Marche, terza prova del Raceday Ronde Terra, con la Peugeot 206 WRC di Luca Vicario, navigato da Stefano Doneddu, e con la Citroen DS3 R5 messa a disposizione di Daniel Rocchi e Daiana Darderi. Per entrambi gli equipaggi la gara marchigiana ha avuto un significato “speciale”: per Vicario si è trattato della seconda gara su terra dopo 22 anni di assenza dagli sterrati, dopo il ritorno avvenuto lo scorso anno proprio al Balcone delle Marche; per Rocchi la Ronde ha segnato un nuovo debutto nei rally su terra dopo due anni di stop e la prima volta al volante della Citroen DS3 R5.

vicario-doneddu-balcone-marche-2015-206-wrc-friulmotor

Ottima gara per Vicario che, sicuro del feeling con la Peugeot 206 WRC, ha affrontato con decisione gli 11,83 km della speciale ‘Lago di Cingoli’ migliorando di passaggio in passaggio i suoi tempi. Dopo il 14° tempo assoluto ottenuto sulle prime due prove, il pilota friulano ha staccato l’11 tempo sulla terza P.S. e l’8 tempo sull’ultima, scalando di quattro posizioni la classifica generale. Vicario, perfettamente supportato da Doneddu  e dalla 206 WRC, ha così terminato la gara entrando nella top ten, classificandosi 10° assoluto, 4° di gruppo e 3° di classe; un buon risultato che gli permette di sottolineare la sua abilità anche su terra nonostante la lunga assenza da questa tipologia di fondo.

Buona prestazione anche per Daniel Rocchi, che dopo due anni lontano dai tratti cronometrati sterrati torna per la prima volta alla guida della Citroen DS3 R5, dopo un piccolo test e qualche passaggio allo shakedown per fare conoscenza con la vettura. La gara non è iniziata nel migliore dei modi: sulla prima prova dopo essere finito contro un terrapieno, Rocchi ha deciso di fermarsi e scendere dalla DS3 per controllare di non aver riportato danni alla vettura; fortunatamente la toccata non ha comportato altri danni oltre ai 3 minuti persi che lo hanno portato in fondo alla classifica. Per niente demoralizzato, ha proseguito la gara sentendosi sempre più a suo agio con la Citroen DS3. Nelle due prove successive ha ottenuto il 18° tempo e sull’ultima il 16°, riuscendo così a risalire la classifica generale, chiudendo la gara 28° assoluto, 13° di gruppo e 6° di classe.